Parigi, 14 Settembre 2009

In English

La Generazione Elettronucleare Rimane Stabile Nonostante la Crisi Economica

(Traduzione cortesemente effettuata dall’ Ing. Corrado Antonio Kropp, Consigliere dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma)

Sulla base dei dati ufficiali, rilasciati oggi dall’Agenzia per l’Energia Nucleare (NEA/AEN) dell’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), la generazione di energia elettrica di origine nucleare nei Paesi Membri dell’ Organizzazione stessa, è soltanto marginalmente diminuita nonostante la caduta dell’economia. Gli impianti elettronucleari di potenza forniscono il 21,5% dell’energia elettrica prodotta totale nel 2008 contro il 21,6% nel 2007, nell’area dell’OCSE.

Sempre nei Paesi dell’area OCSE, al 31 dicembre 2008 erano in funzione 345 reattori e altri 15 erano in fase di costruzione. Ulteriori 23 unità erano state ordinate e nella fase preliminare di costruzione, specialmente nelle regioni dell’America e del Pacifico, a dimostrazione di un rinnovato interesse all’utilizzo dell’energia nucleare.

Le statistiche di produzione dell’uranio dimostrano l’esistenza di una fornitura affidabile ed abbondante, che arriva al 40% del produzione totale mondiale da parte dei Paesi OCSE. Prezzi più alti dell’uranio hanno stimolato l’esplorazione e riacceso la rivalutazione della riserve conosciute; alcune ipotesi di aumento della produzione sono stati comunque ritardate. Le capacità produttive di conversione, arricchimento e fabbricazione del combustibile rimangono adeguate alle richieste di mercato, con potenzialità di espansione per l’adeguamento alla crescente domanda.

Nell’edizione del 2009 di “Nuclear Energy Data” sono contenute note ufficiali governative esplicative sui programmi sulle capacità in campo nucleare dei Paesi Membri OCSE, le quali riflettono le proiezioni della generazione elettrica ed elettronucleare al 2035. Come si sta procedendo in Italia per recuperare i 20 anni di divieto per nuove costruzioni di impianti nucleari di potenza? Quali sono le nuove politiche della Corea in relazione alla generazione elettronucleare, sulle emissioni di gas serra e le nuove capacità di generazione elettronucleari? Quali sono le prospettive per la costruzione di nuovi impianti elettronucleari negli Stati Uniti? Elementi per le risposte possono essere trovati nell’edizione 2009 di “Nuclear Energy Data” ove vengono esposti ai lettori fatti e scenari alla base di queste posizioni. Il lettore può anche trovare dati associati ai requisiti sul ciclo del combustibile, alla produzione di uranio, al riprocessamento e sistemazione del combustibile esaurito.

Queste sono alcune delle informazioni contenute nell’edizione 2009, appena pubblicata, di “Nuclear Energy Data” -più comunemente noto come “Brown Book”- considerata la più esaustiva fonte di informazioni sui programmi nucleari e sulle statistiche sul ciclo del combustibile nell’area OCSE.

####

 


Nuclear Energy Data
OECD, Paris, 2009 – ISBN 978-92-64-04772-3
€ 35, US$ 47, £ 29, ¥ 4300

Please quote the title and reference in any review.
Online access for accredited journalists: www.oecd-nea.org/html/general/press/accredited/
(Write to nea@oecd-nea.org to obtain your user name and password.)

Commercial orders may be directed to
OECD Publications, c/o Turpin Distribution
Stratton Business Park, Pegasus Drive, Biggleswade
Bedfordshire, SG18 8QB, United Kingdom
Tel.: +44 (0)1767 604960, Fax: +44 (0)1767 601640
E-mail: oecdrow@turpin-distribution.com

Online ordering: www.oecd.org/bookshop
(Secure payment with credit card.)

 

News media contact:

Ms. Cynthia Gannon-Picot
Head, External Relations and Public Affairs
OECD Nuclear Energy Agency (NEA)
Tel.: +33 (0)1 45 24 10 10
Fax: +33 (0)1 45 24 11 10
E-mail:
Website: www.oecd-nea.org

 


This Italian translation of the press release is not an official OECD translation; hence, the Organisation does not guarantee its accuracy and accepts no responsibility for any consequences of its interpretation or use.